• via De’ Gombruti, 18 40123 Bologna
  • info@mondodonna-onlus.it
  • (+39) 051 230159
donna sulla luna larga

«Prendete la vita con leggerezza, che leggerezza non è superficialità, ma planare sulle cose dall'alto,
non avere macigni sul cuore
»

Italo Calvino, Lezioni americane, Mondadori
 


CHIAMAchiAMA,

il servizio antiviolenza di MondoDonna si racconta, in una testimonianza video, raccolta per il progetto “Donne in emergenza” del Comune di Pianoro (BO).
In particolare, dalla voce di chi ha lavorato concretamente anche in questi ultimi mesi difficilissimi, giorno dopo giorno, si descrivono tutti gli strumenti messi in campo per contrastare la violenza nei confronti delle donne, che in questo periodo ha subìto un forte incremento a seguito dell'isolamento sociale e domestico a causa della pandemia"

Qui il canale Youtube del Comune di Pianoro con il video CHIAMA chiAMA


Parte l’iniziativa INFRADITO SOLIDALE

Acquistando un paio di infradito solidali, si contribuisce a sostenere il centro antiviolenza CHIAMA chiAMA di Mondodonna Onlus e i suoi sportelli territoriali.
L’importanza di un’azione non si misura dall’entità economica, ma dalla solidarietà del gesto compiuto. Difendiamo insieme i diritti di tutte le donne e dei loro bambini.
>> Il costo delle infradito, spedizione inclusa, è di € 17.
L’iniziativa è concretamente resa possibile grazie alla produzione di FAEDESFA Onlus

per informazioni e prenotazioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo.

per vedere le infradito e scaricare i materiali informativi:
immagini e schede tecniche

FAEDESFA infraditoS ss2020 MondoDonna

 

 

 

  firme infradito OK OK 3.4

 

 

 

 



Il progetto ICAREentra nelle strutture MondoDonna

ICARE è un progetto europeo coordinato dall’Ausl che prevede un approccio interdisciplinare e interdipartimentale per la tutela della salute della popolazione migrante, richiedente o titolare protezione internazionale.
MondoDonna Onlus ha attualmente chiesto la collaborazione del personale sanitario per creare delle formazioni/informative specifiche, così da supportare gli ospiti e le ospiti delle strutture in questa fase di apertura e sensibilizzarli rispetto alla prevenzione e ai comportamenti da mantenere, a seguito del difficile periodo di quarantena.
 
>> Nelle strutture SIPROIMI, in particolare, si sta chiudendo una collaborazione con l’équipe sanitaria, che si è resa disponibile a fornire un'informativa specifica su Covid e Fase 2/3 agli ospiti delle residenze, suddivisi per lingue.
Sono in partenza i primi 3 gruppi (inglese, arabo e lingue varie) l'obbiettivo è aiutare i nostri ospiti ad avere una puntuale comprensione dell'evoluzione del virus e dei sistemi/comportamenti protettivi da attuare.
>> Nei CAS l’attenzione dell’intervento verte maggiormente sul portare nozioni di igiene personale e di prevenzione delle malattie a trasmissione sessuale.


Al via il progetto COOK&GO

In partenza le attività del progetto “COOK&GO - La cucina del mondo nei saperi delle donne: percorsi di integrazione verso l’autonomia” finanziato nell’ambito del bando 2020 “La cultura come strumento di integrazione: la parola alle donne” promosso dalla Fondazione del Monte di Bologna e Ravenna.
Il progetto di MondoDonna Onlus ha l’obiettivo di rafforzare la solidarietà e la coesione sociale tra donne migranti e madri di provenienza diversa e il tessuto sociale a cui si riferiscono, attraverso la trasmissione interculturale delle proprie tradizioni culinarie.
Si tratta, insomma, di un percorso di formazione specifica in ambito culinario e nella sperimentazione di un’attività di street food itinerante sul territorio metropolitano.


20 giugno,
Giornata mondiale del rifugiato

MondoDonna Onlus ha aderito all'organizzazione del grande evento di Bologna che è stato trasmesso in streaming.
Tutti i dettagli sono reperibili nel sito di comunicazione Siproimi di Bologna Cares.

MondoDonna ha partecipato con il video girato e montato dal videomaker e fotografo Juan Miguel Cuesta, che ringraziamo moltissimo per il dono che ci ha fatto, che documenta le attività di biblioNoi e del periodo di lock-down, mostrando come le letture abbiano supportato le famiglie e i bambini durante la quarantena.
Nel video si è presentata la lettura di un libro simbolo del progetto biblioNOI: Il mio nome non è rifugiato, scritto e illustrato da Kate Milner e pubblicato in lingua italiana per i tipi della casa editrice bolognese Les mots libres.


Abitare la città: pratiche culturali di inclusione sociale

Il progetto, con capofila COSPE, si colloca nell'ambito del PON Città Metropolitana 2014-2020 Welfare Culturale - Autorità Urbana di Bologna.
MondoDonna Onlus è partner di progetto insieme a Porto15, DAS e Salvaiciclisti.
In particolare al momento, nell'ambito del progetto, sono in partenza i due corsi formativi:
- "Bici Libera tutte" un corso per imparare ad andare in bicicletta rivolto a persone migranti e/o vulnerabili.
- L'"ABC della ciclomeccanica" rivolto ad operatori/trici e utenti delle comunità di accoglienza.
I corsi vedranno la partecipazione di alcune ospiti delle strutture SIPROIMI di MondoDonna.
Scarica l'affiche.


Social Chic solidale su più fronti

È sempre possibile fare acquisti presso il negozio on-line di Social Chic.
Nell’atelier Social Chic, professioniste del Made in Italy lavorano insieme a sarte e artigiani provenienti da ogni parte del mondo, unendo la loro creatività e le loro competenze per produrre capi di alta qualità sartoriale.

Ci fa piacere ricordare che l’atelier Social Chic si è impegnata attivamente nel sostegno del progetto “Più forti insieme”
della Fondazione Policlinico Sant’Orsola.
Divulghiamo con piacere, ricordando i giorni complessi e di lavoro intenso durante il lock-down, la lettera di ringraziamento che ci è stata inviata da Giacomo Faldella, Presidente della Fondazione.


Dulcis in fundo,
MondoDonna consiglia…


Due mostre che hanno un’importante e attenta declinazione al femminile, in linea con i princìpi che da sempre hanno fatto da guida al lavoro della nostra Onlus.
 
RiScatti
storie di emancipazione di venti donne, raccontate nella mostra in programma dal 27 giugno.
La mostra fa parte del progetto Valsamoggia Obiettivo 2030,
tra i vincitori del bandoShaping fair cities promosso dalla Regione Emilia-Romagna.
Promosso insieme a Fondazione Rocca dei Bentivoglio, Coop. Oltremare - commercio equo, Associazione MondoDonna Onlus, Donne Multietniche Valsamoggia, Libreria Carta Bianca, Legati al Filo APS-Festival di innovazione sociale.
Grazie a: Proloco Crespellano, Solidarietà Impegno, Associazione Pangea.


La presentazione del progetto è prevista per il 26 giugno, qui si va all’evento FaceBook .

Qui i dettagli sulla mostra.
b_250_250_16777215_00_https___mcusercontent.com_ace5773ed363ec167c12b5232_images_30f9b478-7094-4238-b939-e5daa14296c3.png

 

 

 

 

 

 

 


 
Women. Un mondo in cambiamento
organizzata da Genus Bononiae Musei nella Città in collaborazione con National Geographic Italia.
Si tratta di una mostra fotografica che racconta la storia delle donne nel mondo: una storia complessa, piena di difficoltà, di gioia, d’amore e di riscatto.
Attraverso l’obiettivo dei più grandi reporter del National Geographic sono state ritratte donne in ogni latitudine del mondo e in ogni momento, per quasi un secolo di storia, per raccontarne i cambiamenti attraverso prospettive diverse. Uno sguardo critico sulla situazione mondiale del genere femminile celebrandone la forza e denunciando al tempo stesso le disuguaglianze culturali.
La mostra, ospitata nel complesso monumentale di Santa Maria della Vita (via Clavature 8/10),
è stata prorogata fino al 13 settembre 2020. 
È aperta dal martedì alla domenica dalle ore 10.00 alle ore 19.00 (ultimo accesso alle ore 18.00).
Per maggiori informazioni, cliccate qui.
b_250_250_16777215_00_https___mcusercontent.com_ace5773ed363ec167c12b5232_images_8bb1ef60-1df0-4b5c-b118-1d1f5467dc0f.jpg